Seleziona una pagina
Microcorrente applicata dalla stimolazione di punti (MPS - Microcurrent Applied by Point Stimulation): una nuova speranza per il mal di schiena causato da neuropatia cronica

La crioterapia potrebbe aiutare a prevenire la neuropatia nei pazienti affetti da tumore

Alcuni ricercatori giapponesi hanno scoperto che l’uso della crioterapia può aiutare a prevenire la neuropatia periferica indotta da chemioterapia nei pazienti affetti da tumore.

In particolare, i ricercatori hanno scoperto che indossare guanti e calzini congelati per 90 minuti dopo il trattamento con Paclitaxel ha aiutato le pazienti con cancro al seno a controllare i sintomi della neuropatia che sono un effetto collaterale comune dei trattamenti contro il cancro.

I ricercatori, guidati da Akiko Hanai, MS, dell’Università di Kyoto, hanno riportato i loro risultati sul Journal of the National Cancer Institute.

Neuropatia periferica indotta da chemioterapia

La neuropatia periferica indotta da chemioterapia è un frequente e disatteso effetto collaterale dei trattamenti per il cancro, in particolare con terapie a base di tassano e platino, hanno spiegato Hanai e colleghi. Infatti, un recente studio pubblicato sul Journal of Clinical Oncology ha riferito che quasi la metà delle donne sopravvissute al cancro soffre di neuropatia periferica persistente per molti anni dopo il loro trattamento finito.

Il trattamento farmacologico è efficace solo sul dolore

Per chi soffre di neuropatia è stata raccomandata la duloxetina (Cymbalta), ma ha un’efficacia limitata per il dolore indotto da chemioterapia, e non ha alcun effeto su intorpidimento o sulla disabilità funzionale.

Inoltre, Hanai ei suoi colleghi hanno sottolineato che “non esiste alcuna strategia consolidata per la prevenzione della neuropatia periferiche“.

Come è stato condotto lo studio sulla crioterapia

In questo studio, le pazienti affette da tumore al seno sono stati trattate settimanalmente con il paclitaxel di taxano (80 mg / m2 per un’ora) e indossato guanti e calze congelati sul loro lato dominante (mancino o destro) per 90 minuti, nei quali era compresa anche la durata del trattamento chemioterapico. I sintomi sul lato trattato sono stati quindi confrontati con i sintomi sul lato non trattato (controllo).

I parametri di valutazione all’interno dello studio

La valutazione primaria dell’endpoint è stata l’incidenza di neuropatia periferica (definita come diminuzione della sensazione tattile rispetto alla linea di base), come valutato dal test di monofilamento di Semmes-Weinsten ad una dose cumulativa di 960 mg / m2.

I ricercatori hanno anche valutato le capacità dei pazienti di percepire disturbi e vibrazioni termosensoriali, nonché la loro destrezza manipolativa.

I sintomi soggettivi dei pazienti sono stati valutati anche utilizzando la versione giapponese del questionario neuropatico del paziente. Solo 4 pazienti sono usciti dallo studio

Dei 40 pazienti nello studio, 36 hanno raggiunto la dose cumulativa.

Quattro sono usciti dallo studio a causa di gravi disfunzioni epatiche, edema maculare, stanchezza e ripetizione della polmonite, ma nessun paziente è uscito dallo studio perché non è riuscito a tollerare l’esposizione ai guanti e ai calzini freddi.

Il lato trattato con crioterapia aveva un’incidenza più bassa dei sintomi della neuropatia.

Hanai ei suoi colleghi hanno scoperto che l’incidenza di sintomi di neuropatia periferica oggettivi e soggettivi è stata significativamente più bassa – sia clinica che statistica – per il lato trattato rispetto al lato di controllo (non trattato).

Per la sensibilità tattile della mano, i tassi erano del 27,8% rispetto all’80,6% e per la sensibilità tattile al piede erano del 25,0% rispetto al 63,9% (P <0,001 per entrambi).

La percentuale di pazienti con una ridotta percezione di calore era anche clinicamente e statisticamente molto più bassa per il lato trattato (mano, 8,8% contro 32,4%; piede, 33,4% contro 57,6%, P <0,05 per entrambi).

La valutazione manipolativa di prontezza attraverso un test di pannello scanalato ha rilevato che il gruppo di controllo ha avuto un ritardo maggiore nell’esecuzione dell’attività rispetto agli standard (-2,5 secondi di ritardo sul lato di intervento, rispetto a un ritardo + 8,6 secondi sul lato di controllo; P = 0.005).

I punteggi del questionario neuropatico del paziente erano significativamente inferiori anche sul lato dell’intervento.

Limitazioni di questo studio

Le limitazioni dello studio includevano il fatto che gli effetti “placebo” erano inevitabili nello studio, la mano e il piede non dominanti servivano sempre come controllo (come accadeva negli studi precedenti di crioterapia) e che i ricercatori non seguivano i soggetti dopo completamento della chemioterapia perché le terapie post-trattamento potrebbero influenzare lo stato sensoriale dei pazienti. Hanai e colleghi hanno concluso dicendo:

“Concludiamo che la crioterapia è una strategia semplice, sicura ed efficace per la prevenzione della neuropatia periferica nei pazienti con cancro sottoposti a trattamento con paclitaxel.

La crioterapia potrebbe permettere di effettuare una chemioterapia più ottimale, evitando un ritardo o riduzione della dose, oltre a impedire un peggioramento della qualità di vita nei pazienti affetti da tumore durante e dopo il trattamento”.

Crioterapia valida anche sui pazienti trattati con terapia di platino?

In un editoriale che accompagna lo studio, Dawn L. Hershman, MD del Herbert Irving Comprehensive Cancer Center della Columbia University di New York, ha dichiarato che nonostante il successo di questo studio, non è chiaro se la crioterapia beneficerebbe anche ai pazienti sottoposti a terapia di platino.

Se i risultati attuali fossero confermati, tuttavia, la crioterapia sembrerebbe essere migliore rispetto ai farmaci che sono solitamente utilizzati per trattare la neuropatia periferica, come duloxetina, ha scritto Hershman.

La Cryoterapia ha il vantaggio di avere meno effetti collaterali, basso costo e sembra prevenire altri sintomi della neuropatia periferica diversi dal dolore neuropatico“.