Una terapia che potrebbe prevenire la neuropatia nei diabetici

Una terapia che potrebbe prevenire la neuropatia nei diabetici

Per il 25% dei pazienti affetti da diabete di tipo 2, che soffrono d’intorpidimento e forte dolore ai nervi dei loro piedi, alcuni scienziati della Northwestern Medicine stanno effettuando dei test su un nuovo trattamento dermatologico che potrebbe potenzialmente aiutare a prevenire e forse anche curare la neuropatia.

In uno studio pubblicato in Molecular Pain, i ricercatori della Northwestern Medicine hanno dimostrato che l’esaurimento di una sostanza chimica chiamata GM3 a seguito di un’anomalia genetica impediva lo sviluppo di neuropatia nei topi diabetici obesi.

Applicare un unguento per cercare di eliminare il dolore debilitante, la neuropatia

I ricercatori stanno ora applicando una pomata a base di terapia genica per consumare GM3 e la sintasi GM3, che è l’enzima che genera GM3.
La speranza è che questo unguento, applicato solo al cuscinetto di topi diabetici, impedirà o, ancor meglio, interromperà la neuropatia esistente.

Ora abbiamo trattamenti così terribili per la neuropatia del diabete. Stiamo trattando fondamentalmente il dolore. Si tratta di un nuovo approccio basato sulla patogenesi che guarda a ciò che provoca la neuropatia e invertisce che invece di trattare il dolore.

Ha dichiarato l’autore Dr. Amy Paller, professoressa di dermatologia Walter J. Hamlin presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine e direttore del Northwestern’s Skin Disease Research Center

Paller lavora anche presso l’Ospedale dei Bambini di Ann & Robert H. Lurie di Chicago come medico curante.

Il tipo di neuropatia che i ricercatori stanno cercando di trattare va al di là del tipico intorpidimento di alcuni pazienti con esperienza di neuropatia, ha detto il primo autore Daniela Menichella, assistente di neurologia al Feinberg, il cui obiettivo è la cura clinica e la ricerca in laboratorio sulla neuropatia diabetica.

Eliminare la GM3 nei topi diabetici impedisce la neuropatia

Alla base di questo trattamento, i ricercatori hanno scoperto che i topi diabetici di routine avevano molta più GM3 e GM3 sintasi nei loro nervi rispetto ai topi normali.

Hanno inoltre verificato che la presenza di questi enzimi era maggiore anche nella pelle degli umani con diabete. Gli scienziati hanno poi confrontato l’aspetto e la funzione dei nervi nei topi in cui GM3 è stato geneticamente portato a esaurirsi.

Nella pelle dei topi diabetici, ai quali era stato rimosso l’enzima GM3, i nervi avevano praticamente smesso di degenerare, anche se i topi erano obesi e diabetici come i topi diabetici normali.

Per testare la risposta al dolore, i ricercatori hanno utilizzato filamenti con forza crescente per toccare le zampe dei topi e calcolando quanto tempo impiegassero i topi per ritirare la zampa dalla stimolazione del dolore.

La dottoressa Paller ha detto:

I topi diabetici normali hanno avuto cambiamenti nervosi che hanno intensificato la loro sensazione di dolore e hanno subito un grande dolore con appena un tocco leggero. Quando li abbiamo abbassato il livello del GM3, non hanno ritirato i loro piedi (sottoposti allo stimolo del dolore) più rapidamente dei topi senza diabete.

Sulla base di queste scoperte, i ricercatori hanno proposto questo approccio basato sull’esaurimento locale della GM3, applicando il nuovo unguento nei piedi. Infinte la Dott.ssa Paller ha concluso:

“Se gli studi sembrano promettenti nei topi, il nostro obiettivo a lungo termine sarebbe quello di testare ulteriormente la sicurezza e di avanzare agli studi clinici umani per prevenire e / o invertire lo sviluppo della neuropatia diabetica”

© Copyright Gondola Medical Technologies SA
GONDOLA è un dispositivo medico CE 0476. Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni d'uso.
GONDOLA è un marchio registrato di proprietà di Gondola Medical Technologies Sa. Tutti i diritti sono riservati.

Gondola progetto europeo
Digital marketing Latitude 46 Lugano