Microcorrente applicata dalla stimolazione di punti (MPS - Microcurrent Applied by Point Stimulation): una nuova speranza per il mal di schiena causato da neuropatia cronica

Gli scienziati hanno trovato un trattamento per il dolore cronico?

Il dolore neuropatico è una condizione cronica che comporta una maggiore sensibilità al dolore, o iperalgesia, e provoca dolore a seguito di stimoli che normalmente non causano dolore o allodinia.

Per alcuni individui, il dolore può andare e venire, apparentemente a caso. Per gli altri, tuttavia, può anche essere continuo.

La condizione colpisce fino al 10% della popolazione degli Stati Uniti e attualmente non esistono trattamenti specifici che alleviano in modo significativo il disagio e il dolore.

Allo stato attuale, gli antidepressivi e gli antiepilettici sono i farmaci più usati per il trattamento del dolore neuropatico, ma meno del 50% delle persone riferisce una significativa riduzione del dolore.

Esistono una serie di condizioni e situazioni che potrebbero portare a dolore neuropatico: per esempio il diabete, la lesione del midollo spinale, l’infezione da herpes zoster, le tossine, i traumi e la chemioterapia. Ma, sebbene siano noti alcuni fattori di rischio, ci sono ancora molte lacune.

Meccanismi dietro il dolore neuropatico

Si pensa che il dolore neuropatico periferico – una tipologia della condizione che non coinvolge il cervello o il midollo spinale – sia causato da lesioni nei nervi. Queste lesioni interrompono la barriera dei nervi del sangue, facendo toccare il sangue e alle cellule immunitarie che trasporta con i nervi.

Tuttavia, esattamente come e perché questo produce dolore neuropatico non è ancora stato compreso. Le interazioni molecolari e i pathway chimici coinvolti sono ancora in fase di studio.

Recentemente, un gruppo di ricercatori ha progettato una serie di studi incentrati sul dolore neuropatico. Hanno sede presso l’Institute for Neurosciences di Montpellier e il Laboratory for Therapeutic Innovation presso l’Université de Strasbourg, entrambe in Francia.

Gli scienziati volevano capire cosa causasse il dolore neuropatico a livello molecolare e progettare un modo per curarlo o almeno essere alleviato.

Durante il loro lavoro, il ruolo di un recettore noto come FLT3 si è dimostrato fondamentale. FLT3 è prodotto da cellule staminali ematopoietiche, il tipo di cellula che dà origine alle cellule del sangue (sia bianche che rosse).

I ricercatori hanno scoperto che le cellule immunitarie, che riempiono i nervi danneggiati nella regione lesionata, producono una citochina chiamata FL – che a sua volta si lega e attiva FLT3.

Una volta che le due molecole sono state unite insieme, viene attivata una “reazione a catena” che impatta il sistema sensoriale, producendo dolore e permettendogli di persistere. Questo è noto come cronografia.
Le scoperte dei ricercatori sono state pubblicate nelle scorse settimane sulla rivista Nature Communications.

Trasformare nuove scoperte in trattamenti

Una volta compreso il ruolo del FLT3 nella generazione del dolore neuropatico, il team ha cercato di trovare modi per prevenire il dolore. Si sono avvicinati analizzando 3 milioni di potenziali configurazioni molecolari e alla fine hanno trovato una promettente molecola anti-FLT3 – che hanno soprannominato BDT001.

BDT001 impedisce FL di legarsi con FLT3, impedendo l’insorgenza del dolore neuropatico. Quando testato sui topi, entro 3 ore, il nuovo farmaco ha ridotto i sintomi come iperalgesia e allodinia. L’effetto della molecola è durato 48 ore dopo la somministrazione di una singola dose.

Altre molecole che bloccano FLT3 sono già state progettate per aiutare a trattare alcuni tipi di cancro in cui FLT3 svolge un ruolo. Tuttavia, poiché questi farmaci interagiscono anche con altri recettori e molecole, possono produrre una serie di gravi effetti collaterali.

Il BDT001, tuttavia, non sembra avere un impatto su altre importanti molecole, rendendolo un candidato migliore per l’uso nel dolore neuropatico.

Poiché le terapie attuali fanno ben poco per alleviare il dolore neuropatico, è emozionante sentire che un nuovo farmaco potrebbe essere all’orizzonte.

Di fatto, sulla base delle scoperte, la start-up Biodol Therapeutics ha concesso in licenza i diritti di brevetto sul farmaco; hanno in programma di continuare a indagare e, si spera, di rilasciare un trattamento a lungo termine e ad azione rapida per il dolore neuropatico nel prossimo futuro.

© Copyright Gondola Medical Technologies SA
GONDOLA è un dispositivo medico CE 0476. Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni d'uso.
GONDOLA è un marchio registrato di proprietà di Gondola Medical Technologies Sa. Tutti i diritti sono riservati.

Digital marketing Latitude 46 Lugano